Post con il tag ‘ youtube

Su Youtube l’archivio dell’Istituto Luce

E’ quasi un secolo, ormai, che l’Istituto Luce si occupa dell’archiviazione, della conservazione e della promozione dello sterminato patrimonio italiano fatti di filmati che raccontano la storia e l’evoluzione della nazione. Ed ora, quell’immenso archivio è finalmente a disposizione di tutti sul più famoso canale di diffusione di video on line. Grazie ad una partnership con Google, infatti, l’Istituto Luce metterà a disposizione i video del suo archivio su un apposito canale ufficiale di Youtube.

L‘ Unione Cinematografica Educativa, nata in Italia nel 1924, con sede a Roma, come strumento di propaganda fascista, è diventato nel corso degli anni una vera e propria istituzione da salvaguardare, tanto che la Commissione Italiana Unesco ha recentemente nominato il Fondo dei cinegiornali Luce all’inserimento nel registro Unesco Memoria del Mondo. Quarant’anni di tecnologia, arte, cinema, politica e costume digitalizzati negli ultimi anni sono ora disponibili in una raccolta di playlist che mettono ordine negli quasi 30 mila video on line (29537 per l’esattezza).

Il canale youtube è stato ufficialmente lanciato il 5 luglio ed in pochi giorni ha raggiunto quasi 60 mila visualizzazioni (l’Istituto Luce appare comunque iscritto a youtube da maggio del 2012). Ma non si tratta dell’unico strumento on line con cui l’Istituto Luce diffonde i suoi filmati. Il Tubo, infatti, si affianca ai due siti web ufficiali finora disponibili online, Archivio Storico Istituto Luce e Istituto Luce.

Per salvaguardare l’archivio dell’Istituto Luce dalla pirateria è stata utilizza la tecnologia YouTube ContentID grazie alla quale tutti i file audio e video caricati all’interno di un canale possono essere identificati così da tutelare il copyright.

Il nuovo canale Youtube sarà sicuramente una vetrina globale importantissima per l’Istituto Luce, tramite la quale sarà possibile portare questo grande patrimonio oltre i confini nazionali. E chissà che non possa avere anche un ruolo importante nel sensibilizzare l’opinione pubblica sul rischio che Cinecittà venga smantellata a breve. La “fabbrica dei sogni” non si meriterebbe questa fine…

Benedetto XVI, il social media Papa

È on line a partire da ieri il nuovo portale del Vaticano. Il portale news.va ha la funzione di aggregare tutti i media on line della Santa Sede per dare un nuovo impulso alla sua vita e comunità nel web. Papa Benedetto non ha mai nascosto il suo parere favorevole ai social media per il contatto diretto che offrono con i fedeli, tanto da aver lanciato il suo primo tweet proprio in occasione della presentazione del portale. Leggi tutto

Ristoranti e social media: vedere cosa succede in cucina ora si può

Questa mattina mi è capitato di leggere un post veramente molto interessante, e non banale, che riguarda il modo in cui ristoranti e cuochi possono promuovere il proprio lavoro attraverso i social media, per farsi conoscere meglio dalla clientela. L’autrice, Jenny An, è una scrittrice di Chicago, interessata particolarmente ai viaggi e alla buona cucina. Vi riassumo le parti principali in una libera traduzione, aggiungendo qualcosa di mio. Buona lettura! 🙂 Leggi tutto

Motor Show, lo spettacolo è anche social!

E anche quest’anno, ritorna il Motor Show! Sabato scorso ha aperto i battenti la più grande mostra di motori italiana, che ogni anno attira centinaia di migliaia di visitatori ansiosi di vedere modelli di auto e moto, tante esibizioni e graziose fanciulle.

Il Motor Show di quest’anno dovrebbe segnare una “rinascita”, almeno nei confronti dell’edizione 2009, priva delle case automobilistiche messe in difficoltà dalla crisi. Anche quest’anno alcuni grandi marchi daranno forfait, ma altri ritorneranno proponendo anche qualche anteprima.La parte più emozionante, comunque, resterà quella legata agli show, con esibizioni e gare in cui gli appassionati potranno trovare pane per i propri denti. Leggi tutto

Promuovere un libro: le risorse del web

Oggi è venerdì, rilassiamoci e parliamo di libri, vi va? Io sono il tipo che potrebbe passare giorni interi in una libreria (o in una biblioteca, ne esistono ancora sapete:)) se opportunamente rifornito di cibo e di una branda. Se girovagando in rete mi imbatto in pubblicità di libri, non le percepisco neanche come tali e ci clicco sopra, tanto mi incuriosisce ogni tipo di titolo. I classici banner però non sono l’unico modo per promuovere un libro nel web, ce ne sono molti altri e assai più interessanti! Se avete la pazienza di leggere ancora un po’ provo a descriverne qualcuno. Leggi tutto

RSS FEED Facebook Twitter Pinterest Flickr