Post con il tag ‘ Social Networrk

Le mail di Linkedin invadono i social network

Strategia di coinvolgimento o clamoroso autogol? È quello che si chiedono moltissimi utenti di Linkedin in questi giorni, dopo aver ricevuto via mail i complimenti per essere uno dei profili più visitati sul celebre social network per i professionisti.

Se in un primo momento trovarsi a leggere “il tuo profilo è nell’1% dei profili più visitati in Italia” può fare un grandissimo piacere e, perché no, gonfiare in modo sano l’ego di ciascuno, tutt’altro effetto fa rendersi conto che la stessa comunicazione è arrivata a mezzo mondo, con percentuali variabili tra l’1, il 5 e il 10%. In altri casi, invece, è cambiato il testo della mail, in cui non si faceva riferimento alle percentuali di visualizzazione, ma al fatto di essere stato tra i primi ennemila iscritti in Italia.

profilo linkedin enrico

Quello che è successo è che moltissime persone, entusiaste della bella trovata e del “traguardo” raggiunto, hanno iniziato a postare sulle proprie bacheche di facebook l’immagine della mail ricevuta. In ben poco tempo, però, la timeline era piena di decine di immagini uguali, in cui soltanto la percentuale cambiava. Subito l’entusiasmo iniziale è diventato dubbio: ma allora, l’hanno mandata a tutti?

Il passo immediatamente successivo è stato quello di chiedersi se le percentuali inviate corrispondessero a realtà o se fossero delle cifre messe a caso, senza una reale corrispondenza. Ed ecco che in ben poco tempo quella che all’inizio sembrava una bellissima idea, volta a far sentire i propri utenti parte integrante del social network e averli fatti sentire importanti per il raggiungimento dei 200 milioni di iscritti, è stata assimilata ad un #epicfail.

Linkedin sa benissimo di essere un social network di nicchia, con un target molto preciso e lontano dalla massa di Facebook. Però, se ci pensiamo bene, siamo davvero convinti che Linkedin non avesse previsto la portata virale delle sue mail? A chi non è capitato di postare l’immagine sulla propria bacheca e di dover poi spiegare che cos’è Linkedin a chi non lo conosceva e si lasciava incuriosire dall’immagine sulla timeline?

Bene o male purché se ne parli? Forse… O forse semplicemente quelli di Linkedin non sono sprovveduti come potrebbe sembrare! L’idea è stata molto semplice e si è rivelata una mossa riuscita, lineare, chiara di marketing, volta prima di tutto a curare il rapporto tra utente e brand, ottenendo anche un aumento della propria popolarità tramtie lo sharing di contenuti sui social più popolari. Vi pare poco?

Veri o no che siano quei numero inviati via mail agli utenti, in fondo piace all’ego di tutti pensare di essere davvero in quel ristrettissimo 1% di profili più visualizzati in Italia, no?

RSS FEED Facebook Twitter Pinterest Flickr