Cos’è il guerilla marketing? 5 Esempi

bomb 225x300 Cosè il guerilla marketing? 5 EsempiSono certo che molti di voi sapranno già, a grandi linee, in che cosa consiste il guerilla marketing. Forse però, chi non è strettamente un addetto ai lavori, lo avrà sentito distrattamente nominare senza farsene un’idea precisa. La definizione di guerilla marketing non è poi così recente come si potrebbe pensare: essa risale al 1984, anno in cui Jay Conrad Levinson scrisse l’omonimo libro.

Egli la coniò per indicare un tipo di promozione generalmente a basso costo, ma con grande impatto psicologico sui fruitori, in grado di far leva in modo molto incisivo sulla loro immaginazione, o risultando così insolita da generare un forte stupore iniziale. In realtà, il budget di queste realizzazioni può variare a seconda delle loro dimensioni e del modo in cui vengono realizzate, per cui non sempre esse sono così economiche.

Ora vi presento alcuni esempi di guerilla marketing per poterne avere un’idea ancora più precisa.

  1. Un ristorante di pesce indiano, lo Spar Restaurant di Mumbai, nel 2007 pose delle finte vongole giganti su una spiaggia del luogo, contenenti all’interno un flyer del locale.seafood1 227x300 Cosè il guerilla marketing? 5 Esempi
  2. Per promuovere la famosissima serie The Sopranos, la tv americana HBO mise in atto un’iniziativa di guerilla veramente forte. Delle braccia umane, finte ma molto verosimili, furono messe a penzolare dal baule di alcuni taxi gialli, come se all’interno ci fosse un vero cadavere vittima di un omicidio mafioso. Quale idea migliore per attirare l’attenzione di migliaia di passanti?guerilla the sopranos1 189x300 Cosè il guerilla marketing? 5 Esempi
  3. Nello scorso dicembre, le strade di Londra coperte di soffice neve diventarono il set della trovata che vide come protagonista il famoso marchio di caramelle Polo. La traccia lasciata sulla neve è davvero inconfondibile!polo 300x211 Cosè il guerilla marketing? 5 Esempi
  4. Un’altra iniziativa riguarda invece da vicino i mondiali di calcio ancora in corso. Durante la partita Olanda-Danimarca del 14 giugno, infatti, ben 36 “tifose” in sexy abitini arancioni richiamanti la famosa marca di birra olandese Bavaria, a capo della trovata, si sono lanciate in un tifo scatenato sulle tribune. Certo non è stato difficile per loro attirare l’attenzione di tutti! Questo però è costato caro alle avvenenti ragazze, che sono state allontanate dallo stadio, con due di loro addirittura arrestate dalla polizia per aver attuato pubblicità illegale.
  5. La scuderia Red Bull non domina soltanto il campionato di Formula 1: anche nel mondo del marketing non convenzionale è tutt’altro che indietro. Lo scorso 2 luglio, la casa ha messo in atto un improvviso pit-stop nel cuore della city londinese, con tanto di meccanici bardati di tutto punto e macchina guidata dal pilota Max Webber. >

Sono sicuro che adesso è chiaro a tutti voi che cosa sia il guerilla marketing, le modalità in cui agisce e i meccanismi psicologici che innesca. Se invece sapevate già tutto, spero solo di non avervi annoiato e che vi siate almeno divertiti a rivedere alcuni esempi di guerilla sicuramente ben riusciti!

  1. Ancora nessun commento.

  1. settembre 13th, 2011
  2. settembre 22nd, 2014
  3. ottobre 7th, 2014


tre × 3 =

RSS FEED Facebook Twitter Pinterest Flickr